Tisana alla camomilla

Tisana alla camomilla: proprietà e benefici

Di sera, prima di andare a dormire, per rilassarsi e riscaldarsi, oltre che per conciliare il sonno, non c’è nulla di meglio che una buona tazza di camomilla. Questo fiore, infatti, ha numerose proprietà sedative e calmanti e preparare un infuso a base di essa è davvero semplice.

Da cosa è composta la camomilla

In un mondo attuale dominato dalle innovazioni tecnologiche, dall’informatica alle criptovalute (ecco dove comprare bitcoin-cash), non dimentichiamo l’importanza dei rimedi naturali come la camomilla. Essa è costituita dal fiore in cui sono presenti i flavonoidi che hanno proprietà sedative e antispasmodiche.

È costituita anche da sali minerali come calcio, sodio, potassio, zinco, rame, manganese e fluoro e da vitamine.

A creare, invece, l’olio essenziale sono i terpeni, le cumarine e gli azuleni: l’olio essenziale è ideale per lenire e come antinfiammatorio.

Le proprietà e i benefici della camomilla

La tisana alla camomilla si prepara con i suoi fiori: all’interno sono presenti i flavonoidi e le cumarine, dei principi attivi che conferiscono alla camomilla proprietà antispasmodiche.

Questo vuol dire che, bevendo una camomilla, si favorisce il rilassamento muscolare, ma si possono anche ottenere altri benefici in caso di cattiva digestione, crampi allo stomaco, disturbi gastrointestinali o dolori mestruali.

Inoltre, è utile anche per curare disturbi come eruttazione e flatulenza. Ovviamente, i benefici comprovati della camomilla si avranno anche nel caso di stress e nervosismo: bevendo una tisana alla camomilla si donerà al proprio organismo un benefico effetto relax.

In effetti, un altro dei benefici più noti della camomilla è proprio quello di combattere i fenomeni dell’insonnia e di aiutare a dormire meglio.

Fra le altre proprietà della camomilla, il suo olio essenziale è un antinfiammatorio con proprietà lenitive.

La pianta della camomilla, invece, viene utilizzata anche come antidolorifico ed è particolarmente indicata per combattere i sintomi del raffreddore e dell’influenza.

Recentemente si è visto come la camomilla sia anche utile per abbassare il livello di zuccheri nel sangue e quindi consigliata per le persone che soffrono di diabete: secondo lo studio, bere tre tazze di camomilla al giorno potrebbe aiutare a migliorare il livello di glucosio nel sangue.

La camomilla non ha particolari controindicazioni ed infatti è indicata anche per i bambini e neonati nei casi di coliche oppure per lenire i dolori che si hanno quando spuntano i denti.

Tuttavia, in questi casi, è sempre meglio consultare prima un medico. Il consulto con lo specialista può essere utile anche nel caso di soggetti che possano sviluppare fenomeni allergici ad alcune sostanze presenti nella camomilla.

In alcuni soggetti, infatti, si verifica un effetto contrario a quello che la camomilla dovrebbe avere (calmante): infatti si potrebbero verificare nausea ed insonnia.

Cosa si può preparare con la camomilla e altri utilizzi

Per preparare una tisana alla camomilla, è necessario procurarsi i fiori essiccati: in particolare ne servirà un cucchiaio da mettere in infusione in una tazza di acqua bollente.

Se bevuta di sera, questa tisana concilia il sonno, la digestione, cura eventuali problemi di intestino disturbato o dolori mestruali.

Anche la mattina può essere bevuta per avere una carica di energia per tutto il giorno. La camomilla, però, non può solo essere bevuta, ma può anche essere utilizzata per:

  • curare la congiuntivite o gli occhi rossi con dei lavaggi oculari;
  • curare scottature o eczemi (con degli impacchi fatti allo stesso modo con cui si prepara la tisana ma in maniera più concentrata);
  • curare emorroidi e mastiti;
  • dare senso di sollievo in casi di reumatismi, sciatica o torcicollo (aggiungendo 10 gocce di olio alla camomilla in acqua tiepida).