Godersi di più il cibo con il test delle intolleranze alimentari

Il cibo è un importantissimo fattore che incide sul nostro stato di salute, e non solo per quanto riguarda la linea. Intolleranze, allergie e non solo possono influire in maniera importante sul nostro benessere psico fisico.

La farmacia Pelizzo, una delle farmacie di turno ad Udine più preparate sugli esami specifici per quanto riguarda le intolleranze alimentari, ci spiegherà in questo approfondimento con quali test si può rilevare eventuali intolleranze alimentari.

Le intolleranze alimentari vengono rilevate attraverso il test del grado d’infiammazione indotta dal cibo.

Con intolleranze alimentari generalmente vengono definiti quei disturbi che si manifestano attraverso una assunzione continua nel tempo di certi cibi, facendo comparire tutta una serie di sintomi che possono palesarsi in maniera trasversale in differenti aree del nostro organismo. Tra i sintomi più comuni si ricordano quelli all’apparato digerente (irregolarità dell’alvo, flatulenza, sindrome del colon irritabile, emorroidi, confiore e meteorismo). Possono anche manifestarsi sintomi a livello cutaneo con dermatosi, orticaria ed eczemi, o livello dell’apparato respiratorio con sinusiti, faringiti, tracheobronchiti e più in generali con ripetute infezioni alle vie aeree. A livello di apparato genito-urinario con cistiti e candidosi mentre a livello nervoso con insonnia, irritabilità, mal di testa , deficit di attenzione o stanchezza cronica.

Tendenzialmente in caso di un’intolleranza si individuano 1 o più sintomi ripetuti che col tempo tendono a cronicizzarsi e peggiorare.

Ad oggi non sono ancora chiari i motivi per cui una persona può sviluppare una determinata intolleranza, ma tra le cause più probabili ci possono essere una alimentazione sregolata, il consumo di cibi industriali ricchi additivi o conservanti, o la mancanza di una determinata flora batterica a livello intestinale. Solitamente l’intolleranza progredisce lentamente alternando momenti di remissione a momenti di acutizzazione dei sintomi.

Per individuare e debellare una intolleranza nei laboratori di analisi si portano avanti test specifici per la rilevazione analitica delle immunoglobuline G. E’ possibile per ogni cibo rilevare il valore delle IgG, anche se ultimamente questo test tende a rilavare le IgG per gruppi di alimenti. Questa nuova metodologia permette di definire meglio il profilo individuale alimentare. A partire da questi si può intraprendere un percorso di correzione dell’intolleranza creando una dieta personalizzata di riequilibrio rispetto all’alimento o gruppo di alimento interessano dalla reattività infiammatoria.